SCRITTI DI MINO PICA NEGLI ALBUM LE POETEMODI

Pubblicati il 26 dicembre 2014, i primi due album de le Poetemodi “Nadabrahma (visioni e revisioni di una metafisica progressiva)” e “IOIDE”, contengono alcuni scritti di Mino Pica.

I testi, ispirati dalle stesse musiche de le Poetemodi, sono contenuti all’interno del supporto usb (per maggiori informazioni info@lepoetemodi.com) che raccoglie i due album e non solo. All’interno infatti sono raccolte le 32 tracce ed una serie di contenuti extra:

– IOIDE (primo album)
– NADABRAHMA (secondo album)
– Documentario sulla realizzazione degli album
– Video documentario di INTO THE (H)ALL
– Video di Repetitive Brain e Du cote de chez Odette
– Video di un solo componente del gruppo con interpretazione personale dei due album
– Scritti di Mino Pica, scrittore ispirati dall’album NADABRAHMA
– “Cuna positronea”, raccolta di poesie di Salvatore Carrasca.

le poetemodi

Mino Pica appartiene alla corrente e piccola avanguardia le Poetemodi.

NADABRAHMA è un album sperimentale composto da 23 tracce, che attraversa diversi generi musicali per descrivere la promiscuità della vita, forme diverse di una medesima materia. “Un intento dell’album – dicono i le Poetemodi – è IL VIAGGIO “a quel paese che ci assomiglia tanto. L’album si propone di propinare alla coscienza dell’ascoltatore un mosaico composito di plurimi punti di vista, visioni e revisioni di una metafisica in progressione; di allargare le coscienze; di avvicinare ognuno al proprio sé; di creare paesaggi emozionali armonici tramite la trasmutazione di energie negative in positive “Verso Samadhi”.

House concert (2) 2015IOIDE è l’album di 9 tracce che raccoglie alcuni dei brani eseguiti dal gruppo in questi ultimi 4 anni dalla loro nascita. L’osso Ioide è l’unico osso del corpo non collegato a nessun altro osso, situato in gola, posizione del quinto chakra (espressione creativa, l’abilità comunicativa e lo sviluppo). In questo album non son presenti brani inediti, bensì quelli già portati nei live dalla band.

“Le Poetèmodì” è una piccola corrente artistica nata con l’esigenza di veicolare messaggi con uno stile evanescente e carnale. La musica è un mix di dolcezza e violenza, di linee melodiche fluttuanti e distorte, poesia e musica. Il nome è un’italianizzazione del francese “les poetes maudits” e la parte finale (modì) allude alla firma del grande artista italiano Amedeo Modigliani.

I componenti de le Poetemodi sono Salvatore De Stradis, Vincenzo Diviggiano, Salvatore Carrasca, Antonio Cristiano Nigro e Marilina De Stradis. La band è una “corrente brindisina dai tratti significativi e finalmente singolari che si colloca all’interno del circuito musicale contemporaneo”.

1235014_424780097642475_935277561_n

Per maggiori informazioni su le Poetèmodì:

web site: www.lepoetemodi.com
twitter: @lepoetemodi
facebook: lepoetemodiofficial
youtube: lepoetemodiofficial
pinterest: lepoetemodi
mail: info@lepoetemodi.com